Raccontati

raccontati_web

PGZ--arteLogo_PGZARCIMAGAlogo pat+comuni+pgpat

Cos’è il progetto “Raccontati”:

Un originale laboratorio di narrazione – in collaborazione con i Piani Giovani di Zona di Trento – per raccontarsi e raccontare il territorio in un percorso multidisciplinare che vedrà utilizzate varie tecniche: narrative, giornalistiche, documentaristiche, artistiche.

Si passerà dalla ripresa video alla confezione di microdocumentari e microracconti, dalla creazione di spot per il web a corti da proiettare, foto e installazioni performative multimediali organizzate in percorsi ed eventi aperti al pubblico.

Qualche parola in più:

Raccontare se stessi, le proprie idee, la propria città, il proprio territorio. La narrazione (lo storytelling) ha assunto un’importanza enorme e trasversale nel nostro contesto giovanile, sia personale (social), che di studio e lavoro (futuro). Raccontare e raccontarsi diventa così un esercizio di memoria e di costruzione dell’identità importante per noi giovani ma anche in rapporto ai contesti sociali nei quali viviamo attraverso nuovi media con forme narrative e documentaristiche e d’interviste oltre che eventuali performance e installazioni dal vivo come forma finale del progetto da mostrare al pubblico.

Il progetto “Raccontati” (leggibile sia come imperativo, raccòntati, che come participio raccontàti) affronta la sfida dello storytelling in un percorso multidisciplinare che vedrà attivare competenze narrative, giornalistiche, documentaristiche con strumenti multimediali che vanno dalla scrittura creativa a quella giornalistica e documentaristica, dalla ripresa video alla confezione di microdocumentari e spot fino a corti e installazioni multimediali.

Chi e come:

Quello che il gruppo giovane Performattivi si propone di fare è un attraversamento di varie tecniche (con acquisizione di competenze di base o avanzate) per sfidarsi – e sfidare il territorio – a un ripensamento, dal proprio punto di vista giovanile, del concetto contemporaneo di storytelling, assunto dal marketing come momento imprescindibile della comunicazione del brand e del proprio brand personale in una sovrapposizione ormai critica tra marketing e comunicazione di se stessi.

Riteniamo stimolante e ricca un’indagine di questi aspetti da punto di vista giovanile, come ripensamento critico e artistico, ma anche come acquisizione di competenze, della comunicazione di se stessi.

Nel progetto verranno attivate ricerche documentarie, interviste, narrazioni che investiranno il territorio, coinvolgendo i giovani del gruppo Performattivi ma anche altri giovani e adulti di zone specifiche della città: verranno scelti a tal fine e concordati quartieri particolarmente significativi per queste nuove narrazioni: Oltrefersina, San Bartolameo, Cristo Re/San Martino.

Il discorso, in ogni caso coinvolgerà l’intera cittadinanza, sia nella fase di ricerca e preparazione – esercitazione e acquisizione di competenze, sia nella fase di restituzione con installazioni e serate aperte al pubblico. Sarà data precedenza nell’iscrizione ai giovani residenti nei quartieri sopra citati così da creare un gruppo misto di persone che possano restituire alla cittadinanza una mappatura di racconti il più varia possibile.

Quello che verrà fatto:

1) Un percorso di formazione teorico e pratico sulle diversi tecniche di narrazione (scrittura narrativa, giornalistica, realizzazione di documentari, spot fino a corti, installazioni multimediali, performance, teatrale) per un totale di 20 ore di corso, tenuti da esperti del settore.

2) Un percorso di formazione dell’utilizzo delle attrezzature necessarie (videocamere, macchine fotografiche e programmi di montaggio) per un totale di 30 ore di corso, tenuti da esperti del settore.

3) un percorso di studio e conoscenza dei luoghi pubblici cittadini mediante tecniche performative e multimediali, tramite le quali il singolo partecipante acquisirà nuove modalità di osservazione e percezione dei luoghi e delle dinamiche sociali che vanno oltre un primo sguardo in rapporto con se stesso e gli altri. Questa parte del laboratorio sarà svolta interamente all’aperto per un totale di 10 ore.

4) Documentazione di tutto il percorso effettuato con i materiali raccolti (fotografici, testuali, video) per allestire una mostra.

5) Organizzazione di un evento/mostra finale di presentazione del lavoro svolto durante il progetto. L’evento sarà aperto a tutta la cittadinanza e prevederà un momento performativo e di esposizione dei materiali prodotti (video, foto, scritti).

L’iscrizione al laboratorio:

L’iscrizione al laboratorio sarà aperta a 10 (max 12) partecipanti di età compresa tra i 18 e i 29 anni. La selezione dei partecipanti avverrà per ordine cronologico d’iscrizione. Il numero limitato è necessario per consentire un lavoro agile ed efficace sia nella fase formativa sia nel laboratorio in città.

Si chiederà una quota d’iscrizione di 30 € al fine di poter agevolare le famiglie avendo come target la fascia delle scuole superiori e universitaria.Gli incontri di formazione teorica e pratica si svolgeranno presso il Teatro Spazio14 che mette a disposizione gratuitamente gli spazi. Il laboratorio e il percorso in città saranno svolte nelle zone di Oltrefersina, San Martino, Cristo Re.

Il percorso di formazione in teatro si svolgerà da Luglio a Settembre 2016, organizzato in incontri settimanali da 2-3 ore ciascuno. Il laboratorio con le uscite in città comincerà a Settembre 2016. In ottobre sarà organizzato l’evento finale.

INFO: cuctrento@gmail.com – 346 6050763

logo pat+comuni+pgpat

Annunci